Come fare il proprio Bokashi, il nuovo bidone della spazzatura giapponese di tendenza

Oggi vi presentiamo un modo innovativo ed ecologico per differenziare i vostri rifiuti, direttamente dalla terra del Sol Levante. Il Bokashi! La Boka cosa? Bene, “Bokashi” è un nome giapponese che significa: “materia organica ben fermentata”. Per dirla semplicemente, è una specie di compost. È sempre stato usato dai contadini e giardinieri giapponesi, ma loro hanno fermentato la crusca di riso con una miscela di batteri per creare il loro bokashi. Vi spieghiamo tutto su questo modo semplice e pratico per rivalorizzare la vostra materia organica senza un giardino, sia che viviate in un appartamento o in una casa.

Come funziona?

Per creare il proprio Bokashi, niente di più facile. Tutto ciò di cui hai bisogno è un secchio Bokashi, crusca di grano arricchita di batteri e i tuoi rifiuti organici. L’efficacia del Bokashi si basa sul principio della fermentazione. Questo processo è reso possibile dai microrganismi efficaci (EM) presenti nel grano. Tuttavia, ci sono 2 varianti di fermentazione:

Il primo si ottiene con un processo chiamato aerobico, che consiste nell’ammassare la sua materia organica come in un compost. L’unica differenza con il compost ordinario è che il bokashi fermentato in questo modo contiene molti più microrganismi utili.
La seconda è chiamata fermentazione anaerobica, il che significa che avviene senza ossigeno. Invece, la “crusca attiva bokashi” viene aggiunta per acidificare i rifiuti organici (rifiuti di cucina e di giardino) per ottenere un compost di qualità.
Può essere molto vantaggioso per le persone che vivono in appartamenti, poiché è un modo semplice e pratico per rivalorizzare i loro rifiuti, e inoltre, non ci sono odori!

Come usare il tuo Bokashi

  1. Prima di mettere i rifiuti, ricordatevi di mettere 20 ml di attivatore sul fondo del secchio
  2. Poi metti i tuoi rifiuti organici nel secchio: frutta, verdura, carne, pesce, latticini, uova, pane, caffè, tè, cibo crudo o cotto, tessuti…. Ci entra quasi tutto!
  3. Ricordatevi di impacchettare il tutto schiacciando i rifiuti per eliminare le sacche d’aria.
  4. Poi, su ogni strato di rifiuti, spargere l’attivatore Bokashi in modo uniforme.
  5. Rimettete il coperchio, assicurandovi che sia ben stretto. Cercate di fare in modo di aprirlo solo quando buttate via i vostri rifiuti. Con la fermentazione anaerobica: meno aria è meglio è.
  6. Ricordatevi di raccogliere il liquido di fermentazione, è un ottimo fertilizzante. Il liquido deve essere diluito a 1/100 (10 ml di liquido di fermentazione per 1 L di acqua) per fertilizzare le vostre piante (sia in giardino, in un vaso sul balcone, o in casa).
  7. Lasciate fermentare per 15 giorni prima di poter utilizzare il compost.
    Facile, vero? Ora tocca a voi.

Dopo l’uso

Dopo aver svuotato la compostiera Bokashi, sciacquare il secchio, il coperchio e il rubinetto con acqua. Non c’è bisogno di usare il detergente, perché potrebbe distruggere i microrganismi che sono essenziali per il funzionamento della tua compostiera.
Per pulire il rubinetto, versare l’acqua nel secchio Bokashi con il rubinetto in posizione aperta e far scorrere l’acqua attraverso di esso. Quando l’acqua del rubinetto non è più colorata, potete spegnerla.

E indovina, ti proponiamo una gamma di Bokashi della marca Scasa su EthiquePrivee.it a prezzi imbattibili. Allora, pronto per iniziare?

© Éthique Privée. Tutti i diritti riservati.