Transizione ecologica, i nostri 10 consigli per iniziare “zero rifiuti

Non vi dico nulla di nuovo se vi dico che la Terra non ha goduto di ottima salute negli ultimi anni. Ogni giorno facciamo cose che possono sembrare banali e che sembrano avere un impatto molto piccolo sull’ambiente, come gettare un rifiuto per terra per esempio. Ma è quando milioni di persone fanno la stessa cosa che assume proporzioni enormi. Fortunatamente, questo concetto funziona anche al contrario: compiendo semplici azioni, possiamo ridurre significativamente la nostra impronta ecologica e cambiare il futuro del pianeta. È nostro dovere di terrestri rispondere alle sfide ecologiche del nostro secolo. L’obiettivo è quello di cambiare le nostre abitudini per fare una transizione ecologica che ridurrà il nostro impatto ambientale. Sia che abbiate deciso di diventare verdi per aiutare l’ambiente o per risparmiare denaro, ogni azione che fate avvicina i nostri figli e nipoti a un mondo migliore. Ecco quindi una lista non esaustiva di consigli su come trarre il massimo dalla vostra transizione verde.

Riciclare. Il bidone blu, verde, giallo… non sempre facile da trovare. Tuttavia, la selezione selettiva aiuta a salvare molte risorse naturali. Nel 2019, quasi 3,631 milioni di tonnellate sono state riciclate, 104.000 tonnellate in più rispetto al 2018. Inoltre, molte autorità locali offrono la raccolta differenziata gratuita, quindi controlla con la tua autorità locale. E se no, perché non provare il Bokashi, questo bidone alla moda che ti permette di fare il tuo compost in casa. Scopri molto presto una gamma di Bokashi di Scaza sul nostro sito web a prezzi imbattibili.

Mangiare organico. Può essere costoso comprare tutto ciò che è organico, ma questi prodotti sono noti per essere migliori per la vostra salute perché sono privi di sostanze chimiche nocive. Rifiutando di mangiare prodotti con pesticidi, si aiuta a proteggere la biodiversità e a sostenere i piccoli produttori.

Ridurre il consumo di carne. Questa statistica vi sarà familiare, ma parla da sola. Ci vogliono 1500 litri d’acqua per produrre 1 kg di grano contro 15000 litri d’acqua per produrre 1 kg di carne di manzo. Il consumo eccessivo di carne ha quindi un impatto diretto sui problemi ambientali come la deforestazione (più bestiame = più grano = necessità di più terra = deforestazione). Sappiamo che molti di voi non possono fare a meno di una buona bistecca, ma non stiamo parlando di fermare il consumo di carne, ma piuttosto di regolarlo.

Usare prodotti di pulizia fatti in casa. Fare i propri detergenti è super facile e molto efficace. Una soluzione contenente parti uguali di aceto e acqua è un disinfettante completamente naturale che può sostituire i disinfettanti convenzionali. Questo permette di evitare tutti gli elementi chimici contenuti nei prodotti tradizionali. E per i meno avventurosi, troverete presto sul nostro sito dei prodotti interamente rispettosi dell’ambiente della marca Solibio, e pronti all’uso.

Pannolini di stoffa. Se sei un giovane genitore e il tuo bambino porta ancora i pannolini, perché non pensare di passare ai pannolini di stoffa. Ci sono meno sostanze chimiche tossiche esposte alla pelle del bambino e sono molto meglio per l’ambiente. Vi diciamo di più qui.
O presto troverete sul nostro sito i pannolini BAMBO Nature che sono fatti con materie prime sostenibili e progettati con meno impatto sull’ambiente di un pannolino classico.

Risparmiare energia. Spegnete le luci quando non le usate. Inoltre, quando le lampadine della tua casa devono essere sostituite, scegli quelle a basso consumo.

Usare borse riutilizzabili. Le borse riutilizzabili sono un ottimo modo per salvare gli alberi ed evitare di comprarne di nuove. Hanno molteplici usi, dallo shopping alle commissioni e altro ancora.

Leggere le etichette. Cercate di evitare il più possibile i cibi lavorati. Questo può essere difficile per alcune famiglie che possono essere molto occupate e contare sulla comodità quando tornano a casa dal lavoro. Quindi, se non avete necessariamente la scelta di acquistare tali prodotti, cercate almeno di scoprire cosa contengono. App come Yuca esistono per aiutarti a fare acquisti più facilmente.

Spegnere le luci. Non chiudete le tende finché non è buio, in modo da usare molto meno la luce artificiale e sfruttare al massimo la luce naturale. Quindi ricordatevi di spegnere sempre le luci che non state usando, anche se è solo per un minuto. Può fare la differenza a lungo termine.

Essere informati. Ci sono molti componenti nei prodotti che consumiamo ogni giorno di cui non siamo consapevoli e che possono essere dannosi. Assicurati di sapere cosa stai mettendo sulla tua pelle o nel tuo cibo e trova alternative ecologiche quando puoi.

Essere un esempio. Non è necessario fare una massiccia transizione ecologica da un giorno all’altro. Mostrate ai vostri amici e familiari che è facile fare dei cambiamenti che fanno bene a voi e all’ambiente, passo dopo passo. Condividete ciò che sapete e incoraggiate gli altri a fare ciò che pensate sia giusto!

Ecco quindi alcuni consigli su come iniziare la transizione verde e avvicinarsi a zero rifiuti. Ci sono così tanti consigli che avremmo potuto fare una top 1000, ma bisogna iniziare da qualche parte. Sappiate che ogni iniziativa, per quanto piccola, può essere utile solo nell’interesse comune di riuscire insieme a cambiare le nostre abitudini di consumo. Con queste grandi frasi in mente, vi invito a leggere i nostri ultimi articoli sulle I benefici della maschera al tè verde , La cialda di caffè riutilizzabile, buona o cattiva idea?

© Éthique Privée. Tutti i diritti riservati.