I nostri consigli per un back-to-school anti-spreco

Si stima che ci siano 513 kg di rifiuti per abitante in Francia, cioè una tonnellata di rifiuti al secondo e circa 30 milioni di tonnellate all’anno. Sì, è molto! Tuttavia, gli atteggiamenti stanno cambiando e la tendenza si sta invertendo. Andare verso uno stile di vita anti-spreco sta diventando sempre più popolare e non è più considerata un’attività da “eremita che vive nella foresta”. La cosa migliore è che funziona, quindi se hai appena iniziato e ti stai chiedendo che tipo di impatto puoi avere riducendo i tuoi rifiuti, continua a leggere!
Allarme spoiler! È un bene per tutti.

Le 4 R + C

Abbiamo strutturato questa lista intorno alle 5 regole antispreco.
Rifiuta ciò che non ti serve
Riducete ciò che vi serve e riconsiderate quanto vi serve davvero
Riutilizzare dando agli oggetti una seconda vita o usando oggetti riutilizzabili
Riciclare ciò che non si può rifiutare, ridurre o riutilizzare
Compostate il resto
Una cosa è leggere queste regole e un’altra è capirle e applicarle nella vita quotidiana. Attraverso esempi, speriamo di darvi le chiavi su come implementare questi cambiamenti il più facilmente possibile per muoversi verso uno stile di vita anti-spreco.

Adottare uno stile di vita anti-spreco

Il nostro primo e più importante consiglio è di fare un passo alla volta. Non ha senso cercare di invertire il riscaldamento globale da soli in un breve lasso di tempo. Il rischio è quello di essere disgustati dai propri sforzi, e di rinunciare da un giorno all’altro. Quindi andate avanti e iniziate.

Iniziare il compostaggio

Questo è di gran lunga il modo più veloce per ridurre ciò che si manda in discarica.
Una volta iniziato il compostaggio, ridurrai la necessità di portare fuori i rifiuti da una volta alla settimana a una volta ogni pochi mesi… si scopre che molti dei nostri rifiuti sono materia organica, che è un ottimo fertilizzante per arricchire e concimare il tuo terreno! È una vittoria – vittoria.
Se vuoi saperne di più sul bokashi, il nuovo compost giapponese di tendenza, vai qui. E puoi anche trovare una gamma di compost di design giapponese di SKAZA sul nostro sito web.

Riciclare il più possibile

Buttare via è l’ultima risorsa, ma ahimè, a volte non si può ignorare, quindi se si butta via, buttate via BENE.
Tuttavia, prima di gettare qualsiasi cosa (fuori dall’ordinario) nella spazzatura, fate una piccola ricerca per vedere cosa può e non può essere riciclato, se ci sono depositi designati (come le strutture di riciclaggio comunali) o smaltirlo tramite i punti di raccolta Terracycle.
Esempi di questi articoli difficili da riciclare (ma ancora riciclabili) sono per esempio i rifiuti elettronici, le batterie, il polistirolo, i tubetti di dentifricio, le testine degli spazzolini elettrici, le batterie, le cartucce delle stampanti ecc….

Porta sempre con te una borraccia o una fiaschetta riutilizzabile

Sembra semplice? Questo perché lo è, eppure questo semplice atto può fare la differenza. Oltre a consumare risorse, le bottiglie di plastica contribuiscono all’inquinamento e alla produzione di CO2. Per esempio, si può risparmiare una media di 180 bottiglie all’anno semplicemente usando una bottiglia riutilizzabile ecologica. Non è male per il tuo portafoglio.

Riutilizza i tuoi avanzi

Abbandonate la cattiva abitudine di buttare via un piatto non appena l’avete finito. Ci sono una moltitudine di siti su internet come FRIGO MAGIQUE o QUECUISINER.fr, che possono trasformare i tuoi avanzi in piatti da chef stellato. Tutto ciò che serve è un po’ di forza di volontà e un po’ di lavoro.
Nei ristoranti, la doggy bag è anche una buona alternativa. Questo è un sacchetto o un contenitore che il cliente usa per portare gli avanzi al ristorante. Non abbiate paura di chiederlo al vostro cameriere, è una pratica che sta diventando sempre più comune, e molto efficace contro lo spreco. Come promemoria, ogni anno si buttano via 10 milioni di tonnellate di cibo commestibile e 600 milioni di euro di prodotti non alimentari nuovi o invenduti. Ti fa pensare…

Trova articoli di bellezza e cura della pelle a zero rifiuti

Di nuovo, un semplice cambiamento. A parte il cibo e le bevande, la cura della pelle e i prodotti di bellezza sono i prodotti che compriamo più spesso, quindi trovare alternative a zero rifiuti fa una grande differenza. Anche in questo caso, fate la vostra ricerca per trovare marche che siano in linea con i vostri valori e che rispettino la vostra pelle. Qui puoi trovare alcuni consigli per aiutarti a fare le tue scelte quando si tratta di shampoo, balsamo, sapone e struccante.

Per riassumere, andate passo dopo passo, e progredite al vostro ritmo. Avete la volontà di cambiare le vostre abitudini in modo positivo, e questo è tutto merito vostro. Quindi non c’è bisogno di saltare alcun passaggio. Puoi trovare sul nostro sito una moltitudine di consigli per muoversi verso uno stile di vita anti-spreco, o scoprire le nostre marche etiche ed eco-friendly.

© Éthique Privée. Tutti i diritti riservati.