Un ritorno a scuola a rifiuti zero

È già tempo di tornare a scuola. Mentre sempre più genitori sono attenti a ridurre i loro rifiuti domestici, può essere difficile fare acquisti responsabili di materiale scolastico. Gli insegnanti richiedono un sacco di materiale di consumo e le borse della scuola si consumano rapidamente, a volte richiedendo la sostituzione ogni anno. Ecco alcuni consigli per un back-to-school a spreco zero.

Per cominciare, leggere la lista delle forniture è un punto essenziale prima di andare a fare shopping. In effetti, molti sprechi sono legati a un’incomprensione delle richieste dell’insegnante. I supervisori sanno perfettamente come stimare il numero di pagine che un quaderno deve avere in modo che alla fine dell’anno, per esempio, rimangano solo pochi fogli. È quindi necessario rispettare i formati per limitare i riacquisti in eccesso o intempestivi.

Comportamento responsabile in classe

Anche i genitori devono essere intelligenti. Non tutti i materiali di consumo devono essere buttati via da un anno scolastico all’altro. Le penne funzionano ancora? Il tubo di colla è davvero vuoto? Non può essere usato ancora per qualche settimana? Inoltre, piuttosto che buttare via una biro e comprarne una nuova, puoi comprare delle ricariche o passare a una penna stilografica.

Ridurre i rifiuti durante il gioco

È possibile ridurre l’imballaggio eccessivo degli spuntini utilizzando biscotti sfusi o torte fatte in casa. Ogni porzione può essere messa in un sacchetto riutilizzabile o in una piccola scatola di plastica da usare ogni giorno. Per quanto riguarda l’intrattenimento, la rete di negozi di giocattoli usati e di seconda mano permette di trovare giochi in ottime condizioni ed evitare di comprarli nuovi. Inoltre, fare una corda per saltare con un vecchio lenzuolo, una maglietta o dei calzini è molto semplice. Lo stesso vale per le palle e le biglie. Questa attività creativa è anche un ottimo modo per condividere. Perché non fare questi giocattoli da soli per impressionare gli altri bambini?

Riparare e riciclare le attrezzature scolastiche

Gli zaini scolastici sono una delle maggiori spese del nuovo anno scolastico. Per limitare i costi e gli sprechi, si può optare per una borsa di qualità superiore, che è più costosa ma durerà per diversi anni. Inoltre, invece di buttare via uno zaino solo a causa di cinghie usurate o piccole parti difettose (clip che non si chiudono bene, cerniera rotta), rivolgersi alla riparazione è una soluzione più responsabile. I calzolai possono sostituire molte parti e un po’ di cucito può dare una nuova vita a una borsa, prolungando così la sua vita. Tenere un occhio aperto e una mente creativa sono quindi essenziali per ridurre i rifiuti a scuola. Infine, non dimenticate che le ultime pagine bianche di un vecchio quaderno e le penne a fine vita possono sempre essere utilizzate in casa per disegnare progetti a zero rifiuti.

© Éthique Privée. Tutti i diritti riservati.