Marche 100% eco-responsabili !

Infilare un pannolino lavabile e… giovani, in marcia!

bambino con pannolino biologico

Fino a quando non ti chiederà il vasino (e in quel momento potrai finalmente cantare vittoria), il pannolino sarà l’inseparabile compagno di avventure del tuo bimbo. Dai suoi primi mesi ai tre anni circa, calcoli affidabili stimano un consumo di pannolini pari a… più di 4.000! Il che rappresenta un’interminabile corsa al supermercato perché “oddio, il pacchetto è finito!”. E altrettanti sacchi dell’immondizia, che si riempiono alla velocità della luce. Stai iniziando a sudare freddo? Tieni, asciugati con questo pannolino lavabile! Vai tranquilla, è un pannolino riutilizzabile…

Basterà fargli fare un giro in lavatrice e tornerà nel guardaroba del bimbo in un batter d’occhio. Ci dispiace, non avevamo nient’altro a portata di mano… Ma ora che ti è passato il colpo di calore, permettici di tessere le lodi di questo prodotto indispensabile per l’infanzia. Per assorbire i liquidi e mantenere il sederino di Basile, Inès, Erwan e Camille ben asciutto, i pannolini tradizionali presentano alcuni agenti chimici nella loro composizione. In piccole dosi, non sono pericolosi per l’organismo. Tuttavia, a volte possono essere irritanti per la pelle sensibile dei neonati. Un pannolino lavabile, invece, è realizzato interamente in tessuto. Spesso è cotone biologico. Un tessuto morbido, che rispetta la sensibilità della pelle.

Il pannolino è pieno!

In tessuto per evitare gli arrossamenti, ok. Ma lo scopo di un pannolino riutilizzabile è anche quello di assorbire, dirai tu. E con uno slip in cotone, starai già pensando al famoso incidente “pipì nelle mutandine”. Ora ti spieghiamo tutto: i pannolini lavabili sono formati da diversi elementi.

  1. Il pannolino. Cucito in un tessuto assorbente, è il pezzo principale del cambio.
  2. . La mutandina di protezione. Come indica il nome, serve per evitare le perdite.
  3. Un velo cattura pupù. Da mettere sul fondo del pannolino, il velo serve per raccogliere le feci. Biodegradabile e in cellulosa, basta gettarlo nell’immondizia.

Con questi tre sistemi di barriera, i nostri adorabili riccioli d’oro possono sgambettare in tutta serenità!

Pannolini da tramandare!

Il vantaggio di un pannolino lavabile è che si può riutilizzare quasi all’infinito! Disponibili in tante taglie che si adattano alla crescita del bambino, lo accompagneranno in ogni fase del suo sviluppo. Ancora meglio, per le famiglie numerose, si possono passare dal figlio più grande al più piccolo. Perché un pannolino riutilizzabile, se usato bene, può essere conservato per moltissimo tempo.

Piccola guida per l’uso del pannolino lavabile

Man mano che li usi nel corso della settimana, metti i pannolini sporchi in una cesta per la biancheria separata. Quando sarà piena, infila i pannolini in una rete e mettili in lavatrice. Non ti resta che avviare un programma a bassa temperatura (40°) per lavare i pannolini e ritrovarli puliti, proprio come nuovi! Ah, non dimenticare: non usare mai l’ammorbidente! Rischia di provocare arrossamenti sul sederino di quel piccolo tesoro che ti fa battere forte il cuore.

© Éthique Privée. Tutti i diritti riservati.